Storia sarda a Solarussa

Storia sarda a Solarussa

Il 7 ottobre 2016 ero a Solarussa insieme agli amici de “La storia sarda nella scuola italiana”. Abbiamo incontrato i bambini da 4 a 10 anni per raccontare “Sa Die da Sa Sardigna”.

Noi l’abbiamo raccontata ai bambini e i bambini l’hanno disegnata a noi.

Grazie all’amministrazione comunale, alla Pro Loco, a tutti i genitori ma sopratutto grazie a più di 40 bambini vivaci e attenti alla storia della Sardegna e dei Sardi.

LA CACCIATA DEI PIEMONTESI

I sardi si ribellarono ai Piemontesi e il 28 aprile 1794 i Piemontesi furono cacciati dalla città di Cagliari: furono costretti a imbarcarsi e dovettero lasciare la Sardegna.

Il 28 aprile 1794 è chiamato “Sa Die De S’Acciappa” (cioè il giorno della cattura – dei Piemontesi). In quel giorno tutto il popolo partecipò a questa rivolta patriottica contro i piemontesi.

Per riconoscere i sardi dai piemontesi (?) quando si incontrava qualcuno per strada gli si diceva: «Nara cixiri!». Chi non pronunciava correttamente la «x» veniva immediatamente condotto all’imbarco.

PROCURAD’E MODERARE

Intanto, anche nelle campagne i contadini si ribellavano ai nobili che possedevano le terre e facevano pagare tasse altissime agli agricoltori.

I contadini occuparono i campi e si misero a coltivarli per sé. In questo modo protestavano contro le ingiustizie e speravano di ottenere una vita migliore.

La loro rivolta si svolse al canto Su patriottu sardu a sos feudatarios, cioè Il patriota sardo ai feudatari. Tutti noi conosciamo questo canto con il titolo Procurade ’e moderare, dalle sue prime parole.

 

Il sito web “La storia sarda”

www.lastoriasarda.com

Altri articoli su “La storia sarda”

Storia sarda nella scuola italiana